cascata acquacheta

Cascata Acquacheta

Come quel fiume c’ha proprio cammino 
prima del Monte Viso ‘nver levante, 
da la sinistra costa d’Apennino, 
che si chiama Acquacheta suso, avante 
che si divalli giù nel basso letto, 
e a Forlì di quel nome è vacante, 
rimbomba là sovra San Benedetto 
de l’Alpe per cadere ad una scesa 
ove dovea per mille esser recetto; 
così giù d’una ripa discoscesa, 
trovammo risonar quell’acqua tinta, 
si che ‘n poc’ora avría l’orecchia offesa. 
(Inferno, Canto XVI, 94/105)

Così Dante descriveva la bella Cascata dell’Acquacheta, paragonandola alla cascata del fiume infernale del Flegetone.

  • Ascesa: 350 m circa
  •  Distanza: 10,5 km circa
  •  Altitudine partenza: 502 m
  •  Altitudine massima: 722 m
  •  Difficoltà: E (Escursionisti)
  •  Ad anello: No, A/R sullo stesso sentiero
  •  Partenza: Indicazioni stradali

Download traccia gps

 

L’Acquacheta è il più importante affluente del Montone e prima di raggiungere S.Benedetto in Alpe compie un salto di oltre 70 metri nell’omonima cascata.

La cascata, si raggiunge attraverso una escursione di un paio d’ore che risale la valle raggiungendo, appena a monte della cascata, la suggestiva Piana dei Romiti con i ruderi dell’antico borgo.

Dopo circa 40-50 minuti si raggiunge il piccolo rifugio di Ca’ del Rospo che, all’occorrenza, offre un riparo di fortuna e, dopo altri 30’, al Molino dei Romiti.

Da qui in poi la valle comincia a stringeresi e a divenire più umida, come testimoniato dalla presenza dei faggi a quote insolitamente basse.

Un ultimo tratto in salita porta finalmente alla piazzola di fronte alla Cascata e alla sucessiva “cascata piccola”.

Utilizzando un semplice guado di sassi si raggiunge la sponda opposta da cui parte la salita finale per il pianoro dei Romiti, a quota 734 metri, ove sono presenti i ruderi dell’Eremo fondato dai Monaci dell’Abbazia di San Benedetto.

Il ritorno si effettua sullo stesso percorso dell’andata.

Il percorso fa parte dei Sentieri Natura del Parco Nazionale ed è perfettamente segnalato, e mai si allontana dal corso d’acqua. Lungo la nostra escursione troviamo 10 punti di sosta e di osservazione.

Eventualmente, per il ritorno, si può decidere di fare l’anello classico dell’acquacheta. 

Trovate tutte le informazioni del caso a questo link.

Mappe escursionistiche della zona

Rispondi